CAPOSELE PER L'ABRUZZO

La categoria

10/04/2009

 

CAPOSELE PER L’ABRUZZO
Nelle ore in cui l’Abruzzo piange i suoi morti ed un’intera Comunità si appresta a vivere la stagione dell’emergenza, che noi tutti ci auguriamo breve, Caposele non può e non deve far mancare il suo afflato di solidarietà alle migliaia di senzatetto colpite da un catastrofico terremoto.
Mai come in questa terribile circostanza, il nostro sostegno è un atto dovuto, memori di quel commovente fiume di soccorso spirituale e materiale che si riversò, da ogni parte d’Italia e del Mondo, in ogni angolo dell’ Irpinia.
Chi ha seguito le cronache abruzzesi di questi giorni, noterà che le scene si ripetono con una triste monotonia, al punto che non è azzardato affermare che l’Irpinia rivive un dramma in cui Natura ed Uomo ingaggiano una lotta impari, dove a soccombere è sempre l’Uomo, anche per sue colpe.
Oggi l’Abruzzo è più povero di ieri, e lo sarà ancora di più se i cittadini  italiani e lo Stato non faranno avvertire, da oggi e per lungo tempo, la loro volontà di società solidale e i loro doveri nazionali.
Di qui l’appello dell’ Amministrazione Comunale di Caposele, affinché la cittadinanza sia all’altezza del suo compito che, nelle ore presenti, si concretizzi nel sostegno materiale a tutte le Organizzazioni riconosciute, religiose e volontaristiche impegnate nell’emergenza abruzzese, diffidando di singole persone che chiedono denaro od altro in nome di quella regione martoriata.
Noi irpini, però, proprio perché abbiamo vissuto sulla nostra pelle le troppe altisonanti promesse date sotto i riflettori mediatici accesi dall’emozione, dobbiamo tangibilmente essere a fianco degli abruzzesi, anche nei giorni della ricostruzione affinché essa sia rapida, sostanziale ed essenziale al tempo stesso, utile ai bisogni e alle aspettative di Comunità umili le quali, ci auguriamo, possano risorgere e rinascere come ci insegnano questi giorni della Santa Pasqua.
 
L’Amministrazione Comunale

indietro

torna all'inizio del contenuto