REALIZZATO UN PIANO D'INTERVENTO A TUTELA DEL TERRITORIO

La categoria

17/05/2010

Sulla montagna di Caposele avvistati tre lupi in pieno giorno
Sulle montagne di Caposele spesso ci si è imbattuti in segni della sua presenza: ululati, impronte sulla neve, ma raramente questa specie è stata avvistata, cosa che è accaduta invece qualche giorno fa. Un evento raro e che fa ben sperare per lo stato di salute della fauna irpina.

Una squadra di guardie ecologiche volontarie, con a capo Gerardo Colarusso, lo scorso giovedì a Caposele, durante una delle perlustrazioni in montagna, in pieno giorno, lungo la pista che dalla Mauta conduce verso Laceno, si è imbattuta, in tre esemplari di lupo adulto in buono stato di salute che si aggiravano indisturbati. L’orario era inconsueto per incontrare animali elusivi come il lupo. E questo è l’evento incredibile, perché c’erano e sono passati davanti a queste persone, a meno di 20 metri di distanza, creando loro certo non poco timore vista la vicinanza. Ma i lupi, alla vista dell’uomo, sono immediatamente fuggiti, anche perché loro non sono un pericolo per noi, hanno paura dell’uomo perché sanno che è l’uomo ad essere un pericolo per loro.

Il Comune di Caposele, particolarmente sensibile ai problemi che minacciano l’ambiente ed in particolare le bellezze naturalistiche del suo territorio, ha sottoscritto una convenzione, da circa un anno, con le guardie ecologiche volontarie, “Coordinamento Irpino per la Vigilanza Ambientale”, allo scopo di attuare azioni di monitoraggio e controllo dell’ambiente montano, di inibire/sanzionare quelle persone che ignorano il rispetto della montagna e dell’ambiente, quelle persone che ignorano la presenza di leggi dello Stato che vietano il bracconaggio, il taglio indiscriminato degli alberi, e regolamentano il prelievo dei prodotti del sottobosco.

L’Assessore all’Ambiente Angelo Ceres spiega perché è importante questo avvistamento: “Il lupo è una specie in via di estinzione e sono stati tantissimi gli interventi mirati a tutelare questa specie: la loro presenza è indicativa che qualcosa sta funzionando. Uno dei principali aiuti alla tutela di questa specie è stato dato dall’istituzione delle aree protette, in questo caso, del Parco dei Monti Picentini. Nelle aree protette non si spara, la caccia è vietata, e questo consente ai lupi di vivere in tali zone senza necessità di fuga. La presenza delle aree protette, inoltre, consente anche di mantenere, in consistenza e dimensioni, l’ambiente adatto alla vita del lupo e della fauna selvatica, di cui questo animale è predatore. Inoltre, la presenza delle guardie ecologiche, che in alcuni casi è stata criticata, ha senza dubbio contribuito a tutelare questo ambiente, infatti con la loro azione di controllo, hanno impedito e continueranno a farlo anche quelle attività illecite che allontanano il lupo, come spari, rumori di motosega, e quant’altro.

L’evento rarissimo che si è verificato, indica, senza possibilità di dubbio, la presenza del lupo sulle montagne di Caposele e tale presenza denota che il territorio gode di un buono stato di salute e che la natura è tutelata.

L’Amministrazione Comunale ha realizzato un vero e proprio piano di interventi di tutela del territorio. Le azioni di controllo attuate già dall’Amministrazione attraverso la presenza delle guardie ecologiche, hanno contribuito a preservare l’ambiente montano e, in coerenza con il programma, l’Amministrazione, a breve, attuerà diversi interventi di risanamento e di sistemazione idraulico-forestale, alcuni già finanziati, che verranno posti in essere anche per consentire di aprire il territorio di Caposele ad un altro tipo di turismo, quello naturalistico.”

indietro

torna all'inizio del contenuto