Ordinanza n° 08/19.

La categoria

21/05/2019

IL SINDACO

RILEVATO che, ai bordi delle strade comunali, è crescente e spesso incontrollato il fenomeno di piante e/o siepi che protendono rami, foglie e fronde verso la sede stradale o i marciapiedi, invadendoli e creando conseguente ostacolo e limitazione all'uso dei marciapiedi, ostruendo altresì il campo visivo agli utenti della strada nonché la leggibilità della segnaletica;

CONSIDERATO che la presenza di siepi vive invadenti la carreggiata, di piante radicate lungo il ciglio delle strade, di piante ammalorate e suscettibili di caduta, di rami protendenti sulla sede viabile, di piantagioni collocate in posizioni pericolose o che nascondono o limitano la visibilità di segnali stradali o interferiscono in qualsiasi modo con la corretta fruibilità e funzionalità della strada costituisce grave limitazione alla corretta fruizione in sicurezza delle strade pubbliche;

RITENUTO che tali inosservanze costituiscono potenziale grave pericolo alla circolazione stradale e al transito ciclabile e pedonale;

VERIFICATO che i proprietari e/o conduttori dei fondi posti lungo le strade comunali e vicinali nonché adiacenti agli spazi d'uso pubblico, sui quali sì verificano le situazioni di pericolo per la sicurezza stradale descritte nel capoverso precedente, sono tenuti a prendere tutti gli accorgimenti e a mantenere i propri fondi in situazioni tali da evitare il verificarsi delle stesse;

VISTO il D. Lgs. 18.08.2000, n° 267 recante "Testo Unico sull'ordinamento degli enti locali";

gli Art. 1, 16, 17, 18, 19, 20, 29, 30, 31 del D. Lgs. n° 285/1992 (Nuovo Codice della Strada)

e successive modificazioni ed integrazioni;

gli Artt. 892 e seguenti del Codice Civile;

Il vigente Regolamento di Polizia Urbana;

RILEVATA l'urgente necessità di eliminare i pericoli in atto segnalati;

SENTITO l'Ufficio di Polizia Municipale;

ORDINA

Ai proprietari, affittuari, conduttori e detentori, a qualsiasi titolo, di terreni confinanti con le strade comunali urbane ed extraurbane e vicinali di uso pubblico, sia rotabili che pedonali, situati nel territorio del Comune di Caposele, di provvedere a:

Potare regolarmente le siepi, erbacce spontanee e piante rampicanti radicate sui propri fondi e che provocano restringimenti, invasioni anche solo aeree, o limitazioni di visibilità sulla strada confinante.

Tagliare alberi, rami delle piante radicate sui propri fondi e che occupano o si protendono oltre il confine stradale che nascondono o limitano la visibilità di segnali stradali o interferiscono in qualsiasi modo con la corretta fruibilità e funzionalità della strada e manutenerli in modo da evitare pericoli.

Rimuovere immediatamente alberi, ramaglie e terriccio promananti dai terreni laterali e caduti dai propri fondi sulla sede stradale per effetto di intemperie o per qualsiasi altra causa.

Adottare comunque tutte le precauzioni e gli accorgimenti atti ad evitare qualsiasi danneggiamento, pericolo e/o limitazioni della sicurezza e della corretta fruibilità delle strade confinanti con i propri fondi.

I suddetti interventi di messa in sicurezza, adeguamento e corretta tenuta dei fondi latistanti le strade dovranno essere eseguiti entro 30 giorni dalla data di emissione della presente ordinanza.

Scaduto il suddetto termine si procederà, senza ulteriore avviso, all'applicazione delle sanzioni amministrative e pecuniarie previste dagli artt. n° 29, 30 e 31 del Decreto Legislativo 30 aprile 1992, n° 285 (Nuovo Codice della Strada) e successive modificazioni ed integrazioni, non escludendo l'esecuzione dei lavori in danno ( a cura dell'Ufficio competente) con spese a carico dell'inadempiente sia esso proprietario, possessore o detentore del fondo.

Il tutto come sopra specificato, fatta salva ogni azione contravvenzionale al riguardo e ferme restando la responsabilità civile e penale dei proprietari stessi per qualsiasi incidente o danno derivante dalla mancata esecuzione della presente ordinanza, oltreché dal mancato rispetto degli obblighi imposti ai proprietari dei fondi confinanti le pubbliche vie previsti dalle disposizioni normative vigenti in materia

Le trasgressioni alla presente Ordinanza saranno sanzionate amministrativamente a norma delle vigenti disposizioni di Legge, lasciando impregiudicato, qualora se ne ravvisi la fondatezza, l'esercizio dell'azione penale. (art. 650 codice penale);

La presente Ordinanza viene resa nota al pubblico mediante pubblicazione all'Albo Pretorio Comunale.

INCARICA

L'ufficio di Polizia Locale e gli Agenti/Ufficiali della forza pubblica della vigilanza in ordine alla corretta esecuzione del presente provvedimento, nonché di comminare le sanzioni, nei confronti dei trasgressori ed a darne immediata segnalazione all'ufficio Lavori Pubblici per l'esecuzione dei necessari lavori con rivalsa delle spese sostenute a carico dei contravventori.

RICORDA CHE:

In caso di presenza di più comproprietari dello stesso fondo, ai sensi dell'art. 197 del Codice della Strada, ciascuno dei trasgressori soggiace alla sanzione pecuniaria prevista per la violazione alla quale ha concorso e pertanto ognuno dei comproprietari sarà passibile della stessa sanzione pecuniaria prevista;

Avverso alla presente Ordinanza, chiunque abbia interesse legittimo, può proporre ricorso, entro 60 giorni al TAR Campania ovvero ricorso straordinario al Presidente della Repubblica entro il termine di 120 giorni, decorrenti dalla data di pubblicazione o dalla piena conoscenza dell'atto comunque acquisita

RAMMENTA ALTRESI'

Il generale principio della responsabilità del custode della cosa, sia esso proprietario, usufruttuario, enfiteuta, conduttore, ecc. sul quale grava la presunzione di responsabilità generale ex art. 2051 del Codice Civile.

 

IL SINDACO
Lorenzo Melillo

 

indietro

torna all'inizio del contenuto