ULTERIORI MISURE PER LA PREVENZIONE E GESTIONE DELL'EMERGENZA EPIDEMIOLOGICA DA COVID-19 – COMUNICAZIONE.

La categoria

30/05/2020

IL SINDACO

Vista la delibera del Consiglio dei Ministri del 31 gennaio 2020 con la quale è stato dichiarato, per sei mesi, lo stato di emergenza sul territorio nazionale relativo al rischio sanitario connesso all'insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili;
Vista l'ordinanza del Ministro della Salute adottata di concerto con il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti del 28 marzo 2020;
Visto il D.L. n. 33 del 16 maggio 2020, pubblicato in Gazzetta Ufficiale — Serie Generale n. 125 del 16 maggio 2020 "Ulteriori misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19";
Visto il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 17 maggio 2020 "Misure urgenti di contenimento del contagio sull'intero territorio nazionale";
Viste le ordinanze del Presidente della Regione Campania in materia di prevenzione e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19  e relativi allegati;
Vista la Legge 23 dicembre 1978 n. 833; 
Visti gli artt. 50 e 54 del D.lgs. n. 267/2000;
Viste le proprie ordinanze, avvisi e comunicati, ad integrazione e parziale modifica degli stessi, 

INVITA

la cittadinanza tutta di seguire con attenzione le seguenti Misure igienico-sanitarie:

È fatto obbligo di utilizzo dei dispositivi di protezione individuale di cui all'art.16 del decreto legge n.18/2020 (mascherine) nelle aree pubbliche ed aperte al pubblico del territorio comunale. Non sono soggetti all'obbligo i bambini al di sotto dei sei anni, nonché i soggetti con forme di disabilità non compatibili con l'uso continuativo della mascherina. In tali ultimi casi, laddove possibile, ne è comunque raccomandato l'utilizzo sotto stretta sorveglianza dei soggetti all'uopo titolati.
Il divieto di ogni forma di assembramento di persone in luoghi pubblici o aperti al pubblico.
Il divieto assoluto di mobilità dalla propria abitazione o dimora per i soggetti sottoposti alla misura della quarantena o isolamento fiduciario.
Ai soggetti con sintomatologia da infezione respiratoria e febbre (maggiore 37,5°C) di rimanere presso il proprio domicilio e limitare al massimo i contatti familiari e sociali, contattando il proprio medico curante o l'ASL territorialmente competente.

COMUNICA

che gli atti normativi sopra riportati stabiliscono quanto segue:
- LOCALI PUBBLICI - negli uffici delle pubbliche amministrazioni, negli esercizi commerciali e in tutti i locali aperti al pubblico il DPCM prevede di esporre presso gli ambienti aperti al pubblico, ovvero di maggiore affollamento e transito, le informazioni sulle misure di prevenzione igienico sanitarie di cui sopra, e di mettere a disposizione degli addetti, nonché degli utenti e visitatori, soluzioni disinfettanti per l’igiene delle mani.

- È consentita, la riapertura delle attività commerciali al dettaglio, con obbligo di puntuale osservanza delle prescrizioni contenute nelle Linee Guida di cui al Documento allegato n. 2 all'Ordinanza del Presidente della Regione Campania n. 48 del 17 maggio 2020.
- È consentita l'apertura anche prima delle ore 07:00 ai bar, alle gelaterie e alle pasticcerie con obbligo di chiusura serale entro le ore 01:00, salva l'adozione di ulteriori provvedimenti in conseguenza dell'evoluzione della situazione epidemiologica. 
- L'esercizio dell'attività al banco è consentito, nel rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro e con modalità tali comunque da evitare assembramenti o affollamenti all'interno dell'esercizio commerciale, con obbligo di osservare le prescrizioni contenute nelle Linee Guida di cui al Documento allegato n. 3 all'Ordinanza del Presidente della Regione Campania n. 48 del 17 maggio 2020; 
- È fatto divieto di vendita con asporto di bevande alcoliche, di qualsiasi gradazione, dopo le ore 22,00 da parte di qualsiasi esercizio commerciale o con distributore automatico. E’ consentito dopo le ore 22:00 la somministrazione di bevande alcoliche esclusivamente al banco o ai tavoli; 
- Dalle ore 22,00 alle ore 6,00 è fatto divieto di consumo di bevande alcoliche di qualsiasi gradazione nelle aree pubbliche ed aperte al pubblico in osservanza delle prescrizioni contenute nell’Ordinanza del Presidente della Regione Campania n. 53 del 29 maggio 2020;
- È consentita, la ripresa delle attività di ristorazione in loco (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie), con possibilità di consumazione al tavolo, con modalità tali comunque da evitare assembramenti o affollamenti all'interno dell'esercizio commerciale, in osservanza delle prescrizioni contenute nelle Linee Guida di cui al Documento allegato n. 3 all'Ordinanza del Presidente della Regione Campania n. 48 del 17 maggio 2020. Resta consentita la possibilità di esercizio dell'attività con consegna a domicilio e con modalità da asporto nel rispetto delle prescritte misure precauzionali in tutte le fasi (ivi comprese quelle di confezionamento e di trasporto).
- La consumazione a buffet in modalità self-service non è consentita. E’ possibile organizzare una modalità a buffet mediante somministrazione da parte del personale incaricato, escludendo la possibilità per i clienti di toccare quanto esposto e prevedendo in ogni caso, per clienti e personale, l’obbligo del mantenimento della distanza e l’obbligo dell’utilizzo della mascherina, in osservanza delle prescrizioni contenute nell’Ordinanza del Presidente della Regione Campania n. 52 del 26 maggio 2020.
- Al fine di agevolare la fruizione dilazionata dei servizi e delle attività commerciali, diversi da quelli individuati alla lettera a) dell’Ordinanza del Presidente della Regione Campania n. 49 del 20 maggio 2020 (bar, “baretti”, vinerie, gelaterie, pasticcerie, chioschi ed esercizi di somministrazione ambulante di bibite), l'apertura degli esercizi commerciali e delle altre attività è consentita, in deroga ad eventuali disposizioni più restrittive, dalle ore 7,00 alle ore 23,00 e senza obbligo di chiusura domenicale, fatto salvo il rispetto della normativa a tutela dei lavoratori dipendenti.
- È fatto obbligo agli esercenti di dare ampia e piena conoscibilità ai lavoratori, ai tirocinanti e agli utenti del contenuto dei Protocolli di sicurezza anti-diffusione SARS-COV-2 di cui agli allegati n. 1, 2 e 3 all'Ordinanza del Presidente della Regione Campania n. 48 del 17 maggio 2020.
- La sospensione degli eventi e spettacoli di qualsiasi natura svolti in ogni luogo sia pubblico che privato fino alla data del 14 giugno 2020.
- La sospensione delle attività di sale giochi, sale scommesse, sale bingo e circoli privati fino alla data del 14 giugno 2020.

EVIDENZIA 

SPORT - è consentito svolgere attività motoria all'aperto, ove compatibile con l'uso obbligatorio della mascherina (dispositivo di protezione individuale di cui all'art. 16 del decreto legge n. 18/2020), in forma individuale, ovvero con accompagnatore per i minori e le persone non autosufficienti, comunque con obbligo di distanziamento di almeno un metro da ogni altra persona, salvo che si tratti di soggetti appartenenti allo stesso nucleo convivente, ovvero di minori o di persone non autosufficienti. Sono esentati dall'obbligo di utilizzo della mascherina i minori fino a sei anni d'età e le persone con patologie non compatibili con l'uso della stessa.
Pertanto l’attività motoria ovunque espletata è ammessa esclusivamente a condizione che si rispettino le raccomandazioni previste e cioè mantenendo la distanza di un metro tra gli atleti e usando tutte le precauzioni igienico sanitarie previste dall’Ordinanza del Presidente della Regione Campania, in particolare la n. 52 del 26.05.2020 all. n. 5.
-La sospensione di eventi e competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, in luoghi pubblici o privati. Le sessioni di allenamento degli atleti, professionisti e non professionisti, degli sport individuali e di squadra, sono consentite nel rispetto delle norme di distanziamento sociale e senza alcun assembramento, a porte chiuse. Fatte salve le vigenti disposizioni statali di settore, nelle more della definizione delle Linee guida previste dal DPCM 17 maggio 2020, sono consentite le attività sportive, anche agonistiche, purché in assenza di pubblico, svolte in strutture autorizzate all'aperto su ampi spazi (equitazione, ippica, tennis, ginnastica, pattinaggio), nel rispetto delle misure precauzionali predisposte dalle federazioni, associazioni, circoli o strutture e validate dall'Unità di Crisi Regionale.

RAMMENTA

A decorrere dal 18 maggio 2020, sono cessate tutte le misure limitative della circolazione all'interno del territorio regionale di cui agli artt. 2 e 3 del D.L. n. 19 del 25 marzo 2020.
Fino al 2 giugno 2020 sono vietati gli spostamenti, con mezzi di trasporto pubblici e privati, in una Regione diversa rispetto a quella in cui attualmente ci si trova, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza ovvero per motivi di salute. Resta in ogni caso consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza.
Fino al 2 giugno 2020 sono vietati gli spostamenti da e per l'estero, con mezzi di trasporto pubblici e privati, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza ovvero per motivi di salute. Resta in ogni caso consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza.
Sono consentite, le funzioni religiose con la partecipazione di persone nel rispetto dei protocolli sottoscritti dal Governo e dalle rispettive confessioni contenenti le misure idonee a prevenire il rischio di contagio. 
Per i riti funebri è consentito, fino alla data del 31 luglio 2020, ai soli familiari del defunto l'accesso all'abitazione dello stesso nonché la partecipazione alla cerimonia di sepoltura della salma presso il cimitero comunale, con il divieto di ogni forma di assembramento e con l'obbligo di utilizzo dei dispositivi di protezione individuale (mascherine).

INFORMA

Il mancato rispetto delle misure di contenimento e prevenzione del rischio di contagio di cui al presente provvedimento comporta, ai sensi dell'art. 4 del decreto-legge 25 marzo 2020 n.19, l'applicazione della sanzione amministrativa pecuniaria (pagamento di una somma da euro 400 a curo 3.000) nonchè, per i casi ivi previsti, di quella accessoria (chiusura dell'esercizio o dell'attività da 5 a 30 giorni).

DISPONE

Di dare adeguata pubblicità al presente provvedimento mediante la sua pubblicazione all'Albo Pretorio Online Comunale e sul sito internet del Comune di Caposele.
La trasmissione della presente comunicazione, a mezzo Posta Elettronica Certificata, alla Prefettura — Ufficio Territoriale del Governo di Avellino, alla Stazione dei Carabinieri di Caposele, al Comando della Polizia Municipale di Caposele.
E’ fatta raccomandazione alle forze dell’ordine di intensificare la vigilanza ed i controlli affinché si rispettino le regole dettate dalla normativa vigente in materia di prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica COVID-19, ed in particolare il divieto di assembramento sancito dall’art.1, comma 8, del D.L. n. 33 del 16 maggio del 2020, negli orari serali nelle aree pubbliche ed aperte al pubblico.

Certo della abituale collaborazione, confida nel consueto senso di responsabilità di tutti i cittadini.

Dalla Residenza Municipale, 30.05.2020                                      

Il Sindaco

Dott. Lorenzo Melillo
 

indietro

torna all'inizio del contenuto